Cookie

Software

CodeLobster PHP Edition: l’editor gratuito PHP, Javascript, HTML, CSS

CodeLobster PHP Edition è software all’avanguardia per lavorare con i linguaggi di programmazione web. E’ in giro da molto tempo e ha molti utenti. In questo articolo, ti dirò tutto ciò che devi sapere per familiarizzare con questo strumento.

Con Codelobster puoi modificare facilmente file PHP, HTML, CSS e JavaScript. La funzione di evidenziazione della sintassi insieme ai suggerimenti per le funzioni, i loro parametri e tag rendono l’esperienza della codifica efficiente. Se il tuo file ha dei contenuti misti, non devi preoccuparti perché lo strumento li gestisce facilmente. Ad esempio, se aggiungi codice PHP a un modello HTML, Codelobster evidenzierà in modo accurato sia le funzioni scritte in PHP che i tag HTML separatamente, consentendo di distinguerle. Lo stesso è applicabile al codice CSS o JavaScript che è spesso contenuto nei file HTML. (altro…)

Tips

WordPress: avvisare il lettore che il post è vecchio

Spesso capita (scrivendo di software e tecnologia) che l’articolo che oggi è attuale, domani sia già superato. Esiste almeno un plugin per WordPress per notificare il lettore che il post che sta leggendo è stato scritto tempo fa, che è una soluzione perfetta e pronta all’uso, ma ho voluto ugualmente tentare di modificare il codice del mio tema per aggiungere questa semplice funzione in modo automatico.

Premetto che i passaggi che seguono creano un riquadro (in questo caso giallo) prima del titolo dell’articolo. (altro…)

Siti

WordPress: segnalare al lettore un articolo datato

Oggi illustro un piccolo procedimento, che consiglio vivamente a quei blogger legati allo sviluppo di un certo argomento, per segnalare automaticamente al lettore che l’articolo che sta leggendo è più vecchio di un lasso di tempo a nostra scelta, ed eventualmente appartenente a una certa categoria. Sto pensando soprattutto al mio blog, in cui un’informazione tecnica può andare bene oggi, ma potrebbe già essere obsoleta con il successivo rilascio di un software, non più supportata o ingetrata dal sistema operativo.

Il risultato sarà del tutto personalizzabile: apparira un blocco (DIV) in testa all’articolo, con una classe a nostra scelta. Saremo poi noi a dare uno stile al DIV. (altro…)

GNU/Linux

Stampare automaticamente, con upload di file su server Linux

Nell’articolo di oggi mi occupo di stampa. Dopo essermi confrontato con le esigenze più disparate della clientela, sono arrivato a teorizzare l’idea che l’utente (utonto) debba avere per forza tutto già pronto. Meno programmi o driver avrà da installare, più sarà contento e meno tedierà chi ha altro da fare.

L’illuminazione mi è venuta spulciando fra le impostazioni della stampante che abbiamo in ufficio. In uno dei menù vedo che è possibile caricare il PDF da stampare sulla memoria interna della stampante per stamparlo automaticamente. (altro…)

Fotografia

Ridimensionare più immagini in un colpo solo

Ridimensionare le immagini, da quando i programmi di fotoritocco sono entrati a far parte della routine dell’utente medio, è un compito tanto semplice quanto banale. Si usa rimpicciolire le immagini soprattutto per risparmiare banda sul trasferimento del file: un’immagine più piccola si caricherà più in fretta e inoltre per usare le immagini sul web non è necessaria l’alta risoluzione. Il problema si pone quando abbiamo una quantità considerevole di immagini da ridimensionare, aprirle una per una può diventare piuttosto lungo e noioso. (altro…)

Sicurezza

HTML Purifier per “purificare” l’HTML

Oggi vediamo un programmino in PHP pronto all’uso che ben si adatta a qualsiasi delle nostre pagine web. Si tratta di HTML Purifier una comune libreria PHP, che ripulisce il codice HTML delle pagine date togliendo tutti i tag e i markup inutili, che spesso appesantiscono la pagina. Inoltre rende il codice delle nostre pagine sicuro (sto pensando a siti dinamici: WordPress, Joomla, Drupal, ecc.) contrastando in modo efficace gli attacchi di tipo XSS (Cross-site scripting).

Per chi vuole usare HTML Purifier a mano il funzionamento è più che ovvio; scaricato ed estratto il pacchetto dovremo dare i permessi di scrittura alla cartella /HTMLPurifier/DefinitionCache/Serializer: (altro…)

GNU/Linux

LAMP: Linux, Apache, MySQL e PHP per produzione

Oggi vediamo come predisporre la nostra Linux box per la produzione web. Ciò che ci serve sarà Apache (il web server), MySQL (il database che conterrà i dati) e PHP (l’interprete per il linguaggio dinamico PHP). Questa configurazione è esattamente la stessa adottata dai maggiori server in tutto il mondo.

Qualche tempo fa c’è stata un po’ di confusione su che versione di php utilizzare. Era appena uscito php5 e si stava usando ancora la versione 4, per alcuni comandi la retrocompatibilità non è stata rispettata e alcuni script hanno smesso di funzionare. Fortunatamente php5 è in circolo da parecchio tempo, ed è addirittura terminato lo sviluppo di php4. Non ci saranno problemi con i grandi pacchetti (wordpress, joomla e compagnia). (altro…)

GNU/Linux

I migliori editor HTML non commerciali per Linux

Chiunque abbia mai provato a creare piagne HTML con Linux si sarà certamente scontrato con la carenza di software WYSIWYG sviluppati ad hoc per il nostro sistema operativo preferito. Fortunatamente oggi questo “gap” viene colmato solo in parte grazie allo sviluppo di alcuni programmi open source che tentano di sopperire alla mancanza di uno sviluppo di Dreamweaver (o alternative pur sempre commerciali) su piattaforma Linux, ma per molti versi siamo ancora lontani dall’aver raggiunto l’usabilità di Dreamweaver o simili.

Oggi vediamo alcuni dei migliori software per l’editing WYSIWYG sviluppati nativamente per Linux. Ringrazio il blog web distortion per i consigli che riporto tradotti di seguito. (altro…)

Tips

Usare “.htaccess” per riscrivere le estensioni delle pagine

Nella guida di oggi torniamo a parlare di “.htaccess“, questa volta utilizzeremo il “mod_rewrite” per cambiare l’estensione ai file in modo che effettuando una richiesta a “file.html” la richiesta venga girata a “file.php” lasciando inalterata la URL.

Il tutorial di oggi è molto breve e molto facile. Le seguenti righe di codice fanno tutto il lavoro: (altro…)