Cookie

L'une des plus grandes frustrations pour un utilisateur passant de Photoshop à Gimp (“une des raisons”, certainement pas le seul et je ne dis pas qu'ils sont peu nombreux) est le manque d'éditeur de lots intégré qui automatise les fonctions du programme.

Poniamo il caso di dover anche solo una ventina di foto scattate con il bianco bilanciato in modo erroneo, o tutte con una esposizione troppo bassa. Le operazioni permigliorarele foto sono sempre uguali per tutti gli scatti, ma per ognuno dovremo operare indipendentemente. Se stessimo usando Photoshop adotteremmo il Batch Processing: salvando il workflow usato sulla prima foto potremo applicarlo a tutte le altre in una sola volta.

Gimp è sempre stato lacunoso da questo punto di vista, ma per alcune operazioni ci possiamo affidare a BIMP (Batch Image Manipulation Plug-in). Come dice l’acronimo BIMP è un plugin per la manipolazione in serie di più immagini. Nessuno si faccia illusioni: questo plug-in non trasformerà Gimp in Photoshop, ma andrà a semplificare alcune delle operazioni che faremmo foto per foto all’interno di Gimp.

Le operazioni supportate dal plugin sono:

  • Redimensionner – Ridimensiona
  • CropRitaglia
  • Flip or RotateRifletti o Ruota
  • Color correctionCorrezione colore
  • Sharp or BlurAffila (rendi nitido) o sfoca
  • Add WatermarkAggiungi watermark
  • Change format and compressionCambia formato e compressione
  • Rename with a patternRinomina con pattern
  • Other Gimp procedureAltra procedura Gimp

Megli specificare che BIMP lavora esclusivamente con l’immagine data da un livello. Qualora avessimo una immagine su più livelli, BIMP semplicemente non funzionerà.

  Testez la vitesse d'un lecteur de mémoire USB avec Linux

En cliquant sur “Altra procedura di Gimpsarà possibile selezionare uno qualsiasi degli script interni a Gimp. Le potenzialità di questo programmino aumentano di molto, ma purtroppo non avremo né l’anteprima live, né il drag and drop di ciò che stiamo facendo, ma una interfaccia in cui inserire i parametri numerici di fatto operandoalla cieca”.

Per questo genere di cose ho sempre utilizzato Phatch, ma ormai sta diventando un povecchio e sicuramente è un bel polimitato (l’ultima release è del 2010… 10 il ya des années). BIMP è utilizzabile, certamenteanche se ancora un poscomodo.


TheJoe

Je garde ce blog comme un hobby par 2009. Je suis passionné de graphisme, la technologie, logiciel Open Source. Parmi mes articles ne sera pas difficile de trouver de la musique, et quelques réflexions personnelles, mais je préfère la ligne directe du blog principalement à la technologie. Pour plus d'informations me contacter.

0 commentaires

Laisser un commentaire

Votre adresse email ne sera pas publiée. les champs requis sont indiqués *

Ce site utilise Akismet pour réduire le spam. Découvrez comment vos données de commentaire est traité.