Cookie

Brackets: l’editor “di” e “per” HTML / CSS e JavaScript

Ok, il titolo non è un granché, ma non sapevo proprio come spiegare in poche parole che Brackets serve per scrivere codice HTML, CSS e JavaScript, ed è anche scritto in HTML, CSS e JavaScript. State già andando il loop, vero?

Personalmente, per la scrittura di HTML e CSS mi sono sempre trovato bene con Gedit, l’editor integrato in Gnome. Scelsi Gedit per l’interfaccia priva di fronzoli e per la possibilità di personalizzarlo (anche ampliandone le funzioni tramite i plugin). Le impostazioni base sono scarne, ma “girovagando” fra le preferenze si possono abilitare diverse funzioni per farlo diventare un editor completo. (altro…)

Bottoni usando solo i CSS

Nell’articolo di oggi vediamo come trasformare una semplice form, con un bottone non formattato in un’altrettanto semplice form con un bottone formattato. Tutti i colori, i gradienti e le ombreggiature saranno “costruite” usando le regole CSS relative alla versione 3. Queste poche regolette sono da prendere un po’ con le pinze, perché funzionano perfettamente con i browser basati su Webkit (Safari, Konquerror, iPad/iPhone) e Gecko (Firefox e simili), ma sono inutili su tutte le versioni (altro…)

WordPress: migrare da una sotto-directory alla root

L’articolo di oggi è un po’ tecnico, ho dovuto approfondire alcune dinamiche che non mi erano troppo chiare per alcuni pasticci combinati quando ho installato WordPress (il motore di questo blog) su TheJoe.it.

Riporto di seguito la procedura descritta sul blog di supporto a WordPress per spostare una installazione esistente di WordPress dall’interno di una cartella, alla radice del dominio. Come nel mio caso WordPress era installato in “https://thejoe.it/wordpress/“, il file index.php nella root directory era invece un semplice redirect 301 alla directory “/wordpress“. (altro…)

Icone sociali basate su font… ma intelligenti

Oggi parliamo di font e web, anzi… parliamo di un modo semplice di utilizzare nelle nostre pagine un font grafico a cui corrisponderanno le icone sociali (Facebook, Twitter, Flickr e così via), integrando così l’articolo di circa sei mesi fa sui set di icone sotto forma di font.

Il font di oggi ha come particolarità il fatto di essere semplice da includere, anche più dei set di icone di cui parlavo sei mesi fa. Si chiama “Mono Social Icon Font“, e un esempio live (vale più di mille parole) lo possiamo vedere alla pagina del progetto. Nel campo compilabile (aprendo il sito il focus è già sul campo) proviamo a scrivere uno qualsiasi dei nomi accanto alle icone sottostanti (“circleaboutme“, “circlebebo“, ecc). (altro…)

WordPress: segnalare al lettore un articolo datato

Oggi illustro un piccolo procedimento, che consiglio vivamente a quei blogger legati allo sviluppo di un certo argomento, per segnalare automaticamente al lettore che l’articolo che sta leggendo è più vecchio di un lasso di tempo a nostra scelta, ed eventualmente appartenente a una certa categoria. Sto pensando soprattutto al mio blog, in cui un’informazione tecnica può andare bene oggi, ma potrebbe già essere obsoleta con il successivo rilascio di un software, non più supportata o ingetrata dal sistema operativo.

Il risultato sarà del tutto personalizzabile: apparira un blocco (DIV) in testa all’articolo, con una classe a nostra scelta. Saremo poi noi a dare uno stile al DIV. (altro…)

SnowStorm.js: uno script “invernale”

Oggi vi parlo di uno di uno script che fa “nevicare” nei siti di tutto il mondo. Un semplice effetto “nevicata” che (a differenza della maggior parte) non si avvale dell’utilizzo di immagini.

Lo script si chiama “SnowStorm.js” ed è rilasciato sotto licenza BSD, quindi prelevabile da schillmania.com. Abilitare lo script è molto semplice, basta aggiungerlo nella “head” della nostra pagina e il gioco è fatto.

<script src="snowstorm.js"></script>

(altro…)

Un server ftp (con gui) in un singolo file

Oggi mi sono posto il problema di avviare un server FTP sul mio computer. Benché (anche nei repository) ci siano svariate soluzioni al mio problema, le interfacce grafiche scarseggiano. Nonostante ciò ho trovato un server FTP scritto in python che include anche una comoda gui, in un unico file.

Per prima cosa scarichiamo ftpserver.py, una versione modificata del software originale “pyftplib” (incolliamo le righe appena copiate in un file nuovo che chiameremo “ftpserver.py”). (altro…)

arance

Tutorial: cautelarsi dall’utilizzo non autorizzato delle nostre foto con Gimp

Nel precedente articolo abbiamo velocemente accennato la tecnica dell'”invisible watermark“, una tecnica che ci consentirebbe di dimostrare la paternità di una fotografia digitale. Il funzionamento (come già descritto) è semplice. Il principio alla base di tutto è avere una immaginex” (la mia foto originale che devo tenere solo io) e creare una immaginey” (la foto contenente il watermark invisibile da far circolare in internet). Per dimostrare di essere l’autore della foto basterà mettere a confronto sovrapponendo tramite una particolare procedura grafica le due immagni. Magicamente comparirà il watermark con il nostro nome e le informazioni sul copyright. (altro…)

Alcuni font, o meglio alcuni set di icone

A volte su internet incappo in alcune soluzioni geniali, che risolvono in pochi click un lavoro che altrimenti durerebbe alcuni minuti (si, ok, stiamo parlando di minuti, ma è sempre un risparmio di tempo). Le risorse che vi segnalo oggi (tratte dal blog inglese SixRevisions) sono semplici font, i cui caratteri consistono in icone monocromatiche pronte da includere nel web (con la regola CSS “@font-face“), una tecnica in uso da qualche tempo, ma che a stento vedo applicata. (altro…)