Cookie

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Gimp ha da poco compiuto 25 anni, tanti ne sono passati da quel primo messaggio inviato da Peter Mattis in vari gruppi online annunciando un nuovo editor grafico chiamato GIMP.

Da allora siamo stati davvero impegnati!

Abbiamo dovuto inventare GTK, un toolkit dell’interfaccia utente tutto nostro. Non ci saremmo aspettati che interi ambienti desktop, come GNOME e Xfce, ne diventassero il risultato. GTK è ora un progetto autonomo utilizzato da migliaia di sviluppatori.

Sorprendentemente, alcuni sviluppatori di Hollywood hanno scritto gli inizi di quello che è diventato un nuovo motore di elaborazione delle immagini chiamato GEGL, ora utilizzato anche da alcuni altri progetti software. Abbiamo ancora appena scalfito la superficie di ciò che è possibile fare con GEGL.

Abbiamo presentato Wilber, la nostra mascotte che ha viaggiato per il mondo e ha fatto alcune cose stravaganti. Crescono così in fretta! (Gli splash screen di Gimp non mentono).

Abbiamo aiutato a dare il via al Libre Graphics Meeting come versione estesa del nostro meetup annuale nel 2006. Da allora si sono fatti molti nuovi amici ogni anno.

Abbiamo fatto del nostro meglio per fornire un flusso di lavoro ragionevole agli utenti utilizzando modelli di interfaccia utente comuni. Questo ci ha portato alcuni nomignoli discutibili come “Photoshop per Linux”, “Photoshop gratuito” e “quel brutto pezzo di software”. Possiamo ancora essere pienamente d’accordo solo con quest’ultimo!

Abbiamo provato a fare troppe cose contemporaneamente con troppi pochi sviluppatori attivi per ottenere realisticamente le cose in un lasso di tempo ragionevole. Abbiamo fatto pensare a molte persone che il progetto fosse morto mentre noi ci stavamo quasi schiavizzando. Quindi abbiamo introdotto una pianificazione. Finora sta dando i suoi frutti.

Guarda qui:  Buon San Valentino

Abbiamo fatto arrabbiare più persone con le stranezze del software di quanto vorremmo. Abbiamo ricevuto aiuto in questo dai collaboratori appassionati più di quanto ci aspettassimo. Possiamo certamente aspettarci ancora più aiuto.

Ci siamo procurati un progetto di animazione chiamato ZeMarmot per creare un ciclo di feedback positivo coinvolgendo artisti e sviluppatori. Continuiamo a utilizzare la nostra chat per conversare con artisti, alcuni dei quali hanno creduto e credono molto in GIMP. Questo aiuta davvero.

Ogni giorno siamo un passo avanti verso il completamento del noioso ma estremamente importante lavoro sul refactoring di GIMP per far posto a grandi, nuovo cose. Cose che intendevamo fare da molto tempo, cose che gli utenti si aspettano da molto tempo.


Il mondo è decisamente un posto diverso 25 anni dopo. Più rumoroso, più confusionario, più impegnativo. Decisamente meno sicuro. Ma anche pieno di calore e umanità. Abbiamo visto ondate di questa umanità accarezzare di continuo per le coste rocciose di GIMP.

Non abbiamo davvero grandi novità per te per commemorare l’anniversario. Mi dispiace per quello. Continuiamo a schiavizzarci – in un modo più intelligente di questi tempi, si spera. Ma potrebbe esserci una torta.

Tradotto dal post originale su gimp.org.


TheJoe

Mantengo questo blog a livello amatoriale dal 2009. Sono appassionato di grafica, tecnologia, software Open Source. Fra i miei articoli non sarà difficile trovarne circa la musica, ed alcuni di riflessioni personali, ma preferisco indirizzare la linea del blog principalmente verso la tecnologia. Per informazioni contattami.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.