Cookie

Attenzione


Questo articolo è stato pubblicato più di un anno fa, potrebbero esserci stati sviluppi.
Ti preghiamo di tenerne conto.

Dingo, sei stato veramente una bella “storia”, breve; di appena sei mesi, ma bellissima.

Grazie per averci divertiti ogni volta che inseguivi la luce della torcia, grazie per esserti sempre fatto riconoscere con il tuo inconfondibile miagolio, grazie per tutte le volte che ti mettevi ai piedi del letto dei miei genitori a dormire, grazie per tutte le volte che pur di venire vicino a me ti sdraiavi sulla scrivania, o peggio sulla tastiera, grazie per tutte le volte che “strappavi” il bastoncino dalle mani della Vale per mangiartelo in tre bocconi, grazie per ogni volta che hai giocato con la coda del cane, grazie per essere stato un fotomodello eccezionale, grazie per tutte le volte che giocavi con i cavi della mia chitarra, o con la pallina verde sulle scale di casa mia, grazie per tutte le volte che ti pulivo il nasino dalla polvere che “sniffavi” dalla cantina (chissà poi dove ti sarai cacciato), grazie anche per tutte le volte che ti ho beccato a bere dal cesso (doveva essere veramente buona quell’acqua)…

Sono stati nove mesi in cui ci hai veramente divertito. Sei stato un bellissimo gatto, capacissimo di farsi voler bene anche dalla gente che ti vedeva per la prima volta, anche dalla gente allergica ai gatti.

Ora, nostro malgrado, ti dobbiamo salutare, ma non è stato tempo perso. Dal canto mio non credo riuscirò a dimenticarmi di te: tu hai “imparato” da noi, e di certo noi da te… e di questo non posso che esserti riconoscente. Ti voglio bene.

Chi ha detto che il migliore amico dell’uomo è il cane?

Dingo e il flash

Categorie: Personali

TheJoe

Mantengo questo blog a livello amatoriale dal 2009. Sono appassionato di grafica, tecnologia, software Open Source. Fra i miei articoli non sarà difficile trovarne circa la musica, ed alcuni di riflessioni personali, ma preferisco indirizzare la linea del blog principalmente verso la tecnologia. Per informazioni contattami.

2 commenti

roberto · 20 Aprile 2011 alle 11:11 PM

Ho visto solo oggi il tuo saluto per il vostro Dingo. Cosa vuoi che ti dica? Non credere a chi ti dirà che il tempo pian piano lava via tutto; non credere di esserti affezionato inutilmente a un animale che se n’è andato troppo presto; non credere che l’amore sia finalizzato ad altro che a se stesso. Sono allergico ai gatti e non li trovo nemmeno animali belli da guardare ma Dingo era di una bellezza superiore e passare la mano sul suo pelo era necessario (anche se poi mi aspettavano due giorni di raffreddore e lacrime da piagnisteo). Manca anche a me, il vostro Dingo. Siete stati bravi a decidere di prenderlo con voi, siete stati bravi ad addomesticarlo, e lui è stato bravissimo ad addomesticare voi.
Ti voglio bene, fratellino.

vale · 23 Marzo 2011 alle 1:45 PM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.