Cookie

Attenzione


Questo articolo è stato pubblicato più di un anno fa, potrebbero esserci stati sviluppi.
Ti preghiamo di tenerne conto.

I gradienti sono uno strumento che spesso i principianti digiuni di grafica tendono a tralasciare perché “difficili“. In realtà i gradienti sono una parte fondamentale del software grafico, senza sarebbe più complesso creare sfumature e bagliori. In questo articolo ci divertiamo a giocare con alcuni dei gradienti predefiniti di Gimp, vedremo che sono semplici da utilizzare e possono darci una mano a creare dei semplici, ma efficaci effetti.

Di seguito alcuni gradienti predefiniti di Gimp. E sufficiente impostare la modalità gradiente su “Radiale“.

Non ti basta?


TheJoe

Mantengo questo blog a livello amatoriale dal 2009. Sono appassionato di grafica, tecnologia, software Open Source. Fra i miei articoli non sarà difficile trovarne circa la musica, ed alcuni di riflessioni personali, ma preferisco indirizzare la linea del blog principalmente verso la tecnologia. Per informazioni contattami.

4 commenti

TheJoe · 9 Marzo 2013 alle 6:52 PM

Ciao Rosanna,
scusa ma con la rotazione arbitraria o con lo strumento ruota fai un passaggio in più… non è più semplice trascinare dal punto “A” di inizio sfumatura, al punto “B” di fine sfumatura?

rosanna costabile · 14 Dicembre 2012 alle 2:47 AM

io faccio una roba più semplice: riempio col gradiente un nuovo livello e poi lo ruoto a piacere, andando su LIVELLO/TRASFORMA/ROTAZIONE ARBITRARIA :-)…. o ancora più conciso, clicco sullo strumento RUOTA 🙂 ciao belli

TheJoe · 21 Maggio 2012 alle 7:48 PM

Ciao Ivo, e grazie del commento.
Purtroppo mi rendo conto che questo articolo è molto striminzito, l’ho fatto di fretta e non ho pensato più di tanto al contenuto finale. Perciò ritengo doveroso darti una mano ora. 🙂
Se hai bisogno di creare un gradiente con Gimp la cosa più semplice è usare lo strumento “Gradiente”, nella barra degli strumenti di Gimp (premi “L” sulla tua tastiera).
L’azione principale dello strumento “Gradiente” è creare una sfumatura con i colori impostati di primo piano e sfondo (di default nero e bianco).
Per usare il tool devi puntare il mouse in un punto del foglio di lavoro, trascinare il mouse (viene visualizzata un segmento) e rilasciare nel punto in cui vuoi che finisca la sfumatura.
Puoi dare la direzione che ti pare, premendo “Ctrl” mentre trascini sarai incanalato nei gradi principali dalla base del foglio (180, 30, 60, 90).
Per usare i diversi gradienti che trovi nel tab “Gradienti” utilizzi lo stesso strumento, ma nelle impostazioni dello strumento stesso scegli un altro gradiente.
Forse queste informazioni sono troppe e di difficile comprensione senza screenshot, in questi giorni spero di riuscire a integrare l’articolo.
Fammi sapere se c’è qualcosa che non capisci.

ivoermejo · 21 Maggio 2012 alle 2:26 PM

Visto che sembri abbastanza esperto sui gradienti, non riesco a creare gradienti verticali ed obliqui. Nel senso che Gimp di default propone gradienti orizzontali ma no so come fare per ruotarli. Sai darmi una mano ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.