Cookie

Attenzione


Questo articolo è stato pubblicato più di un anno fa, potrebbero esserci stati sviluppi.
Ti preghiamo di tenerne conto.

Di recente mi è capitato di dover masterizzare una iso. Fin’ora mi sono sempre affidato a k3b o brasero. Ho voluto cambiare proprio oggi, perché brasero non mi permette di cancellare il disco (parla di fantomatici plugin), mentre k3b usa le librerie di kde (che non voglio caricare nel mio Gnome). L’unica alternativa (forse non l’unica, ma quella che ho maggiormente accreditato) è l’uso della riga di comando.

Il mio dvd è un riscrivibile già usato. Prima dobbiamo smontare il disco, sapere come è chiamato il masterizzatore e cancellare il contenuto del disco stesso:

umount /media/nomedisco
wodim --devices      -questo comando restituirà il "nome" del masterizzatore
cdrecord dev='/dev/scd0' blank=fast

Ora masterizziamo l’immagine scaricata passando a cdrecord come parametri la velocità di scrittura (varia in base al masterizzatore), il “nomedel masterizzatore (lo stesso di prima), l’immagine da masterizzare:

cdrecord -v speed=6 dev='/dev/scd0' -data /percorso/della/immagine.iso

Durante la masterizzazione si può osservare la progressione dei dati trasferiti. Alla fine dovremo ottenere una riga come questa:

wodim: fifo had 19215 puts and 19215 gets.

Se i dui numeri corrispondono significa che l’intero contenuto dell’immagine è stato trasferito sul disco con successo.

Non ti basta?


TheJoe

Mantengo questo blog a livello amatoriale dal 2009. Sono appassionato di grafica, tecnologia, software Open Source. Fra i miei articoli non sarà difficile trovarne circa la musica, ed alcuni di riflessioni personali, ma preferisco indirizzare la linea del blog principalmente verso la tecnologia. Per informazioni contattami.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.