Cookie

TheJoe.it Into the (open) source

5giu/122

Ridimensionare più immagini in un colpo solo

gimp_imagick

Ridimensionare le immagini, da quando i programmi di fotoritocco sono entrati a far parte della routine dell'utente medio, è un compito tanto semplice quanto banale. Si usa rimpicciolire le immagini soprattutto per risparmiare banda sul trasferimento del file: un'immagine più piccola si caricherà più in fretta e inoltre per usare le immagini sul web non è necessaria l'alta risoluzione. Il problema si pone quando abbiamo una quantità considerevole di immagini da ridimensionare, aprirle una per una può diventare piuttosto lungo e noioso.

14lug/112

Alarm-clock: Una sveglia per Linux

sveglia

Se non abbiamo voglia o tempo di configurare cron con il terminale, possiamo usare "alarm-clock", una sveglia con cui è possibile impostare degli eventi ad orari stabiliti per Linux.

"Alarm-clock" è un pacchetto piccolo e semplice già presente nei repository di Ubuntu e Fedora. Su Ubuntu si installa con il più classico:

$ sudo apt-get install alarm-clock



25feb/110

FocusWriter: un editor di testi per chi è troppo distratto

Schermata

FocusWriter è un programma pensato per chi vuole o deve sccrivere, ma non riesce a non disrarsi. È open source e reperibile in rete per tutti i sistemi operativi. Può capitare di dover necessariamente produrre dei testi, che siano la tesi di laurea, le pagine di un romanzo o la lista della spesa, e a qualsiasi ora si corre nel rischio che qualche notifica di Gmail, una icona troppo accattivante o il semplice menu del computer riescano a distoglierci dal lavoro principale.

3lug/100

Tutorial: effetto macchiato / bruciato con Gimp

disturbato

Il tutorial per oggi è venuto un po' per caso e un po' perché cercavo un altro effetto da applicare alla foto. L'effetto finale sarà la macchiatura della foto (macchie confondibili con segni di bruciatura) a mio avviso rispondente alla realtà, ma lascio giudicare gli utenti.

Per prima cosa apriamo una foto che si potrebbe prestare all'opera. La trasformeremo in pochi semplici passaggi.

23ott/090

“Prey” for your laptop

prey-vulture-logo-condor-chileno

Nel post precedente abbiamo già parlato di quanto sia importante mantenere un certo margine di sicurezza sul proprio pc, soprattutto se all’interno ci sono dati sensibili o informazioni personali che non vogliamo divulgare.

Come già detto Prey è il programma migliore che sono stato in grado di trovare fra i programmi per il tracciamento di pc rubati. E’ un software open source, rilasciato sotto licenza GNU Public Licenze v3.0 e sviluppato nativamente per Linux, ma supportato anche da Microsoft e Mac OS X. Prey ci aiuta a ritrovare il nostro pc rubato inviando delle email al nostro indirizzo contenenti una vera “fotografia” dello stato del pc. Prey ci invia informazioni circa: