Cookie

TheJoe.it Into the (open) source

30set/1110

Perché ho abbandonato “Shareaholic” in favore di “foxyBookmarks”

wordpress-logo2

Da qualche anno stanno spopolando all'interno dei blog le icone per la condivisione 2.0. Risquotono giustamente un discreto successo perché in questo modo il webmaster ha la possibilità di rendere più facilmente visibile il proprio blog dando alcune possibilità, prima negate, di condivisione all'utente medio. Tra l'altro non appesantisce la pagina e le icone sono belle da vedere.

In soldoni, si tratta di una piccola barra a fondo articolo contenente alcune delle icone per i più utilizzati servizi di condivisione del web 2.0 (ne potete vedere un esempio in questo articolo a fondo pagina). L'utente riconosce il logo del servizio che egli stesso utilizza (facebook, twitter, stumble, ecc.) ed il processo di condivisione è immediato, non abbiamo bisogno di intermediari.

19ott/101

Il plugin Resynthesizer per Gimp

finale3

Chi ha detto che PhotoShop arriva sempre prima di Gimp? Il plugin di cui parliamo oggi è stato sviluppato nativamente per Gimp, poi è stato inventato qualcosa di simile per PhotoShop.

Forse a qualcuno non suonerà nuovo il plugin "Content aware filling" per PhotoShop. Beh, "Resynthesizer" è un algoritmo sviluppato come progetto di ricerca universitaria del 2001 successivamente portato a plugin per Gimp molto prima che venisse creato il "Content aware filling". Ma partiamo dal principio. Iniziamo col dire che "Resynthesizer" è un plugin completamente automatico che rimuove tramite la selezione gli oggetti presenti nella foto se disposti su una trama, riempiendo lo spazio mancante della selezione con gli stessi colori dello sfondo, cercando di mantenere la trama uniforme. Questo plugin può risultare molto utile ad esempio nel caso dovessimo ritoccare la foto di un cielo al tramonto con un palo in primo piano.

31mag/100

HDR e ToneMapping

Reale effetto HDR

Spesso (e in modo del tutto anarchico) viene confuso, specie su Flickr e piattaforme simili, l'HDR con il Tone Mapping. Inizio subito col dire che l'HDR (High Dinamic Range) è una tecnica usata in fotografia che consente di avere una illuminazione uniforme su soggetti e ambientazioni che normalmente verrebbero più scuri o più chiari. L'esempio di seguito è una spiegazione molto esaustiva.

In questo breve articolo vediamo le differenze pratiche fra un vero HDR ed un effetto "Tone Mapping".

E visto che di pratica stiamo parlando, tanto per cominciare per ottenere un HDR saranno necessarie svariate foto di un unico soggetto in formato RAW, o in un formato più modesto (JPG) impostando una diversa esposizione sulla fotocamera.