TheJoe.it Into the (open) source

13ott/110

Montare un dispositivo remoto in tunnelling con “sshfs”

tux

Parecchi articoli fa spiegai come fare a montare una macchina remota via FTP, in modo che il pc sul quale operiamo la veda come una directory locale. Il programma usato per stabilire la connessione fra le due macchine è impronunciabile: "curlftpfs". Oggi faremo la stessa cosa, ma il protocollo utilizzato sarà l'SSH. Troveremo diverse analogie con l'articolo sviluppato in precedenza, una su tutte l'impronunciabilità del software utilizzato: "sshfs".

Come buona parte del software utile, "sshfs" è installabile direttamente tramite repository. Sarà sufficiente cercarlo all'interno del tool grafico in uso alla distribuzione.

23set/110

Recuperiamo i file cancellati con Foremost

recycle-bin

Forse non tutti sanno che quando cancelliamo i file dai nostri dispositivi, essi non vengono cancellati, ma solo "nascosti" in attesa di essere sovrascritti, ed è proprio per questo che i file che noi crediamo cancellati possono essere recuperati (sempre se non sono già stati sovrascritti).

Foremost è un programma open source a riga di comando per Linux che recupera i file cancellati. È di estrema semplicità, presente nei repository e svolge senza fronzoli il suo lavoro. Come recita il sito, Foremost fu originariamente sviluppato per l'"Air Force Office of Special Investigation" degli Stati Uniti, e per il "centro informazioni studi e ricerca sicurezza e sistemi". Successivamente venne rilasciato il codice sorgente ed anche il grande pubblico potè beneficiare dei vantaggi offerti da Foremost.

14lug/112

Alarm-clock: Una sveglia per Linux

sveglia

Se non abbiamo voglia o tempo di configurare cron con il terminale, possiamo usare "alarm-clock", una sveglia con cui è possibile impostare degli eventi ad orari stabiliti per Linux.

"Alarm-clock" è un pacchetto piccolo e semplice già presente nei repository di Ubuntu e Fedora. Su Ubuntu si installa con il più classico:

$ sudo apt-get install alarm-clock



1lug/110

Il backup semplice con “Déjà Dup”

dejadup_logo

A quanto pare un'interfaccia semplice non sempre è sinonimo di mancanza di caratteristiche. Il software di cui parliamo oggi è Déjà Dup, un semplice tool sviluppato per Gnome, inizialmente solo per Fedora 13 e già adottato anche dalla prossima nascitura di casa Canonical Ubuntu 11.10.

Benché il software verrà rilasciato incluso ad Ubuntu 11.10, ciò non significa che non possiamo già installarlo ed usarlo. Tra l'altro è da tempo presente nei repository sia di Ubuntu che di Fedora.

15giu/110

Ricostruire il database di YUM in Fedora 15

fedora-logo

Chiedo scusa ai lettori se in questi giorni non ci sono state update regolari sul blog, ma è stato un periodo un po' impegnativo e il blog è passato in secondo piano.

Oggi parliamo di GNU/Linux, oltre che a Fedora 15 questa procedura si applica anche a versioni ben meno recenti.

Può capitare che il database di YUM venga corrotto, capita soprattutto quando installiamo dei pacchetti al di fuori di YUM (usando "rpm --install <pacchetto.rpm>" o altro). La procedura per riportare tutto alla normalità è la seguente:

13mag/110

“Livellare” il volume della nostra libreria MP3 con MP3Gain

gain

Con il breve consiglio di oggi parliamo di musica, o meglio di come semplificare un problema annoso di chi ha una vasta libreria MP3 in cui ogni brano è rippato ad un volume differente.

Quante volte ci è capitato di mettere il nostro lettore MP3 in riproduzione random e dover armeggiare ogni volta con il volume perché una canzone "spara", e l'altra non si sente? La soluzione c'è, e si chiama MP3Gain. MP3Gain è un programma open source il cui unico scopo è livellare (il termine tecnico corretto è "normalizzare") il volume di uscita di un file audio.

18ott/100

Una piccola donazione non può che far bene

wikipedia-logo

Oggi nulla di tecnico, esaminiamo il caso Wikipedia per allargare il discorso all'open source e alle comunità.

Com'è noto, Wikipedia non presenta alcun tipo di pubblicità fra le sue pagine, neanche veicolata. Questo è un gran vantaggio per l'utente, ma si traduce in uno svantaggio in termini di guadagno per chi costruisce Wikipedia. E allora come fa a "stare in piedi" tutta la struttura? Chi paga lo spazio web? La risposta è semplice: gli utenti di buona volonta che, mano alla carta di credito, decidono di donare parte del loro patrimonio alla omonima associazione filantropica, la Wikimedia Foundation.

20set/104

Controllare un desktop Linux da Windows o Linux con VNC

vncOSXvnc

Nel post di oggi vediamo come accedere ad un desktop GNU/Linux (che chiameremo "server") da un pc GNU/Linux o Windows (che chiameremo "client") con VNC. Per l'articolo di oggi prendo spunto da un interessante post in lingua inglese.

Accedere ad un desktop GNU/Linux da un qualsiasi altro sistema, ubicato in un qualsiasi luogo (LAN, internet) usando VNC è relativamente semplice. Il risultato può essere ottenuto indipendentemente dal sistema operativo utilizzato (GNU/Linux, Windows o Mac OS X). Una delle caratteristiche più interessanti è che tale procedura può essere implementata in modo libero con un piccolo dispendio di tempo e senza essere esperti.

8apr/100

Dove si trova in Fedora “Risorse del Computer”

Esistono diversi modi di effettuare le analisi di accesso ad un sito, uno fra tanti è "Google Analytics". In breve Google mette a disposizione a titolo gratuito un servizio utile al webmaster per capire l'andamento del proprio sito su internet, monitorare gli accessi, controllare la frequenza con cui un visitatore torna sul sito, le sezioni più cliccate, le meno cliccate ed anche le parole chiave che dopo la ricerca indirizzano al sito.

2feb/102

Alien per convertire “deb” in “rpm” e viceversa

alien

Oggi vediamo un piccolo vademecum per il funzionamento di “alien”, un’applicazione che converte gli archivi “deb” per Debian in “rpm” per RedHat, e viceversa. Chiaramente disponibile solo per GNU/Linux. Nonostante sia un software stabile e regolarmente aggiornato, “aliennon dovrebbe essere utilizzato per l’installazione di pacchetti importanti per il sistema. Alien offre un’alternativa nel caso non esistessero i pacchetti compilati per la propria distribuzione, non è adatto a sostituire le librerie di sistema.