Cookie

TheJoe.it Into the (open) source

13ott/110

Montare un dispositivo remoto in tunnelling con “sshfs”

Attenzione!

Questo articolo è stato scritto nel 2011, potrebbero esserci stati sviluppi circa l'argomento trattato.
In caso di dubbi lasciate un commento in fondo all'articolo.
Grazie.

tux

Parecchi articoli fa spiegai come fare a montare una macchina remota via FTP, in modo che il pc sul quale operiamo la veda come una directory locale. Il programma usato per stabilire la connessione fra le due macchine è impronunciabile: "curlftpfs". Oggi faremo la stessa cosa, ma il protocollo utilizzato sarà l'SSH. Troveremo diverse analogie con l'articolo sviluppato in precedenza, una su tutte l'impronunciabilità del software utilizzato: "sshfs".

Come buona parte del software utile, "sshfs" è installabile direttamente tramite repository. Sarà sufficiente cercarlo all'interno del tool grafico in uso alla distribuzione.

In alternativa, su Debian (Debian, Ubuntu, e derivate) digitare da terminale:

sudo apt-get install sshfs

Per Red Hat (Fedora, Centos, e derivate) digitare da terminale:

sudo yum -y install sshfs

Alcune librerie verranno installate automaticamente: "fuse-utils" e "libfuse2", pesano poco e fanno un grande servizio.

A questo punto decidiamo in quale directory verrà montata la condivisione:

sudo mkdir /media/pc-remoto/

Diamo ora all'utente in uso i privilegi amministrativi per montare le condivisioni all'interno della directory appena creata:

sudo chown utente /media/pc-remoto

Ovviamente la parola "utente" verrà sostituita dall'utente effettivamente utilizzato.

Per poter montare le condivisioni tramite SSH è necessario un ultimo piccolo accorgimento. L'utente che monta la condivisione deve appartenere al gruppo "fuse" (che solitamente è già creato). È possibile applicare le modifiche usando il tool grafico a disposizione (su Gnome2 è sotto "Sistema" - "Amministrazione" - "Utenti e gruppi"), oppure digitare le seguenti istruzioni da terminale:

sudo adduser utente fuse

Resta valida la regola di cambiare la parola "utente" con l'utente effettivamente utilizzato.

Ora che tutto è in ordine dovremmo essere in grado di montare la nostra condivisione SSH:

sshfs 192.168.1.101:/home/user/Documenti /media/pc-remoto

Con questa semplice istruzione il sistema riconoscerà un mountpoint effettivo nella directory /media/pc-remoto, e si comporterà come se stesse operando in locale. Per fare un paragone sarà come trasferire i file attraverso la LAN, o internet, ma l'utente avrà più l'impressione di spostare i file da una memoria USB.

Trasferisco un file locale in remoto come se stessi operando in locale

About

Mantengo questo blog a livello amatoriale dal 2009. Sono appassionato di grafica, tecnologia, software Open Source. Fra i miei articoli non sarà difficile trovarne circa la musica, ed alcuni di riflessioni personali, ma preferisco indirizzare la linea del blog principalmente verso la tecnologia. Per informazioni contattami.

Commenti (0) Trackback (0)

Ancora nessun commento.


Leave a comment

Ancora nessun trackback.